October 1, 2017

August 20, 2017

May 24, 2017

Please reload

Post recenti

Parola d'ordine: legittimare

June 13, 2017

1/3
Please reload

Post in evidenza

Il Registro Tumori della ASL Nap2 Sintesi dei Dati (31 maggio 2017)

June 16, 2017

(Relazione fornita dal Direttore del Registro Tumori AslNap2 Giancarlo D'Orsi)

 

Il Registro Tumori dell’A.S.L. Napoli 2 Nord è un registro di popolazione generale interessante 32 Comuni della Provincia di Napoli, per un totale di 1.051.000 abitanti.

Nella ASL Napoli2 Nord, dal 2010 al 2012, sono stati diagnosticati 13.792 nuovi casi di tumore maligno*, 7.632 (55%) tra i maschi e 6.160 (45%) tra le femmine.

 

I tumori più frequentemente diagnosticati sono stati:
• il cancro del polmone (18%), della vescica (15%), della Prostata (12,8%), del colon retto (11,6%) e    del fegato (6,4%) tra gli uomini;
• il cancro della mammella (28,2%), del colon-retto (11,5%), del polmone (6,4%), della tiroide (5,6%) e il cancro del fegato (4,2%) tra le donne.

 

Incidenza
Il tasso di incidenza per tutti i tumori, standardizzato sulla popolazione europea, è pari a 518 per 100.000 residenti nei maschi e 358,1 nelle femmine.

I tassi di incidenza standardizzati, divisi per sesso, risultano superiori in modo statisticamente significativo rispetto a quelli dei registri della Macroarea Sud, risultano in eccesso ma non statisticamente significativi rispetto alla media nazionale. La distribuzione per età evidenzia una maggior incidenza della patologia oncologica nelle fasce più avanzate, così come atteso, trattandosi di malattie cronico-degenerative, mentre i tumori infantili e adolescenziali (0-19 anni) rappresentano, fortunatamente, una quota estremamente esigua del totale (1,3%).

Relativamente ai tassi standardizzati delle singole neoplasie sono risultati superiori alla media nazionale in modo significativo i tumori, per entrambi i sessi, della testa-collo, stomaco, fegato, polmone, vescica. Per il sesso maschile i tumori dell’encefalo, per il sesso femminile i tumori delle vie biliari. Sono risultati inferiori, in modo statisticamente significativo, in entrambi i sessi, le leucemie. Per il sesso maschile i linfomi non hodgkin e i tumori della prostata. Per il sesso femminile i tumori della mammella e del corpo dell’utero.

Volendo passare ad un’analisi Distrettuale si nota un tasso di incidenza superiore al tasso di riferimento aziendale, statisticamente significativo, per il Distretto 37 (Giugliano) e border line per i Distretti 40 (Mugnano) e 47 (Casalnuovo). Si osserva una incidenza inferiore statisticamente significativa per i Distretti 35(Pozzuoli) e 36(Ischia). 
Suddivisa per sesso risulta per i maschi un eccesso rispetto al riferimento aziendale del tasso di incidenza del Distretto 37 ed inferiore al riferimento per il Distretto 35 e 36. Nelle femmine il tasso di incidenza risulta in eccesso, in modo statisticamente significativo, per il Distretto 37 e 47, inferiore significativamente per il Distretto 36.

 

Mortalità
I deceduti per tumore nel triennio 2010-2012 sono stati 6760, di cui 4086 maschi e 2.674 femmine, su un totale di 21.066 decessi per tutte le cause.


Le più frequenti cause di morte tumorale sono state:
• il cancro del polmone (31,8%), del fegato (10,3%), del colon retto (8,3%), della vescica (7,0%) e della prostata (6,4%) tra gli uomini;
• il cancro della mammella (17,3%), del polmone (12,6%), del colon retto (11%), del fegato (9%) e dello stomaco (6,3%) tra le donne.

Il tasso di mortalità, standardizzato sulla popolazione europea, è pari a 285,5 per 100.000 residenti, nei maschi e 145,9 nelle femmine.
I tassi di mortalità standardizzati, per entrambi i sessi, risultano superiori, in maniera statisticamente significativa, alla media dei Registri Italiani ed alla Macroarea Sud. L’analisi per età al decesso evidenzia una bassa mortalità nella popolazione infantile (0,49%), mentre circa il 60,2% dei decessi si verifica fra 20 e 74 anni e circa il 39,3% dopo i 75 anni d’età.
Relativamente ai tassi standardizzati di decesso delle singole neoplasie, in entrambi i sessi, sono risultati superiori in modo statisticamente significativo alla media nazionale i tumori testa-collo, dello stomaco, del fegato, del polmone, della vescica e dell’encefalo. Per il sesso maschile i tumori della prostata e tiroide. Per il sesso femminile i tumori delle vie biliari.

Indicatori di qualità
L’81% dei casi incidenti, a garanzia della qualità dei dati, è stato confermato su base cito-istologica, il 16,7% è stato confermato su base clinico-strumentale e appena il 2,3% è classificato come DCO, ovvero come casi la cui conferma si fonda unicamente sulla scheda di morte. Per quanto riguarda le sedi topografiche, solo allo 0,7% dei casi è stato assegnato il codice topografico C80.9 (sede primitiva ignota), non essendo stato possibile individuare una sede precisa della neoplasia.

 

Conclusioni
Questi dati rappresentano una prima fotografia del fenomeno oncologico sul territorio della Asl Napoli 2 Nord registrata nel triennio 2010-2012. Così come atteso, in base ai dati relativi alla nostra mortalità oncologica, per entrambi i sessi i tassi standardizzati dimostrano che esiste un eccesso di incidenza statisticamente significativo, ma non rispetto al Nord, situando la Asl Napoli 2 Nord in una posizione di rischio intermedio. L’analisi sede-specifica dei dati conferma un eccesso di incidenza e di mortalità, per entrambi i sessi, rispetto al Sud e alla media nazionale, per le sedi testa collo, stomaco, fegato, polmone, vescica, encefalo. Questo dato necessita, tuttavia, attenzione da parte delle istituzioni preposte affinché siano potenziati e migliorati gli strumenti di prevenzione rivolti sia alla tutela della persona che a quella dell’ambiente di vita.

 

Commenti
Il dato ottenuto e' come ci aspettavamo in un'area metropolitana, che è tra le più complesse della regione: struttura urbanistica, densità abitativa, condizioni socioeconomiche. 
Presenta tassi di incidenza e mortalità più alti della media del Pool. A questo si aggiunge una instabilità dei dati ancora limitati al primo triennio di incidenza.

Ribadiamo comunque che e' un risultato atteso che bisogna unicamente approfondire e che in nessuna parte d'Italia avrebbe creato allarme.

Lasciamo che a farlo siano persone oneste e competenti degli Istituti preposti e non i vari testimonial o chi ambisce a posizioni di prestigio e potere.

 

 

* Tutti i tumori tranne Cute non melanomi, SNC non maligni e MMPC e SMD
**ITACAN Tassi Standardizzati (EU) quinquennio 2007-2011
***ISTAT 01/01/2016

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici